mi cantìno 2017 - la locandina

La locandina della decima edizione ha come titolo l'hashtag #MiCantino10 che stiamo utilizzando per la campagna pubblicitaria sui social network, in questo modo abbiamo voluto stabilire un filo diretto tra le divere forme con cui oggi vengono divulgate le informazioni.

Un ringraziamento speciale a Giuseppe Leone, titolare del negozio "Jsabel", che ha voluto sostenere la nostra iniziativa.
La startup tranese Youngears, specialista in comunicazione su web, collabora con l'organizzazione del festival, mentre la storica emittente radiofonica Radio Bombo, come accade ogni anno già da diverse edizioni, seguirà l'evento in diretta.

mi cantìno 2017 - Elok


Una band formatasi recentissimamente, ma composta a
da musicisti che, a vario titolo, si sono molto frequentati in esperienze passate.
Suonano in prevalenza cover di autori molto noti nell'ambiente della black music moderna (Anderson Paak, Erykah Badu, Robert Glasper, solo per citarne alcuni) senza disdegnare la riproposizione di alcuni classici opportunamente ri-arrangiati in chiave soul.
Stanno lavorando alla scrittura di brani inediti e alla registrazione del loro primo Demo.



Ilaria Di Cugno - Voce

Carlo Lamantea - Tastiera

Luca Giannotti - Basso

Marco Campanale - Batteria

mi cantìno 2017 - Despite People and Places

Questo progetto nasce a gennaio scorso. In pochi mesi questi ragazzi hanno lavorato ad un repertorio impegnativo, cimentandosi in vari generi musicali: si va dal soul, al funk, alla fusion, al jazz in un percorso ricco di contaminazioni, ed ibridazioni davvero sorprendenti.

Riconoscerete brani famosissimi, insieme a composizioni meno note, selezionate attraverso un lavoro di ricerca meticoloso e profondo. 

Non avendo al loro attivo che poche esperienze Live, potremmo dire che la partecipazione a #MiCantino10 costituisce il loro debutto. Speriamo di portare loro la fortuna che meritano. 




Dario Lauora: Drums
Francesco Di Perna: Guitar
Giulia Musicco: Voice
Luca Pellegrino: Bass
Nico Pappalettera: Piano & Keyboards

mi cantìno 2017 - Keep in Touch


Una band di giovanissimi musicisti che hanno il proposito di rivivere e far rivivere la controversa, leggendaria era del Punk. i loro riferimenti sono  gli As It Is, Blink-182, State Champs, Knuckle Puck, With Confidence, Green Day, A Day To Remember. Sono insieme da un paio d'anni ed hanno partecipato a diversi incontri musicali organizzati da studenti, riscuotendo unanimi apprezzamenti per il suono essenziale e per la capacità di coinvolgere. Ai live si unisce una l'impegno in studio, che ha dato vita ad una originalissima cover di "Hey Soul Sister" dei Train. Stanno attualmente lavorando ad un EP che avrà scopo promozionale che conterrà solo brani inediti.


Tiziano Gioachin - voce
Mattia Cavallo - chitarra
Giorgio Uria - chitarra
Nicola de Ceglie - basso 

Manuel Ruggeri - batteria

mi cantìno 2017 - Luca Loizzi

Nelle ultime edizioni di "mi cantìno", insieme alla musica di dilettanti di ogni provenienza e di ogni genere, abbiamo voluto offrire al nostro pubblico una ricercata selezione dei più bravi cantautori della nostra terra.

Abbiamo iniziato nel 2011 con Savio Lebènd e poi, negli anni seguenti, abbiamo incontrato Pietro Verna, Molla, e Rita Zingariello. Giovani di indubbio talento che contribuiscono a tenere viva la più autentica e ricca tradizione della musica d'autore italiana.
Quest'anno, per il decennale del festival, abbiamo voluto che sul palco ci fosse un artista di Trani, in modo da festeggiare questa importante tappa del nostro cammino sentendoci un po' in famiglia.


Luca Loizzi ha accettato con entusiasmo e generosità il nostro invito e sarà con noi domenica 9 Luglio.


Luca è un professore di liceo, insegna letteratura italiana con la stessa passione con cui si dedica a comporre le sue canzoni, in uno stile tutto suo, fatto di una sapiente mistura di folk, swing e tradizione manouche. I suoi testi sono poetici, sarcastici e provocatori e raccontano con leggerezza il pubblico e il privato dell'Italia del nostro tempo.
Ha già al suo attivo ben due CD, il primo dei quali, co-prodotto da Puglia Sounds ha ottenuto l'unanime apprezzamento della critica.



Dal vivo di solito è accompagnato dagli amici di sempre, la folk'n roll band, ma a mì cantìno arriverà da solo, alla maniera dei menestrelli, in compagnia dell'inseparabile chitarra.


mi cantìno 2017 - Kamo


Ogni musica racconta una storia. E’ questo che pensano i Kamo, e fanno quindi musica per raccontare storie.


Se ci pensate, la loro idea non è poi così nuova, anzi, ha radici solide ed antiche, specie in Italia (ed in particolare nel meridione) dove ancora oggi può accadere d’imbattersi—con un po’ di fortuna—in un cantastorie.

 

Questi giovani cantastorie del terzo millennio,  esattamente come i loro precursori, raccontano quindi vicende drammatiche, lievi,  o bellissime storie d’amore, ma lo fanno col linguaggio del nostro tempo, utilizzando al meglio la tecnologia di cui disponiamo oggi, e cercando la semplicità nella complessità
 

 

Michele Antonacci- chitarra e voce

Carlo Romano- tastiere

Costantino Antonacci- beatbox

Valerio di Ceglie- basso

Alessandro Ferrara - batteria
 

mi-cantino 2017 - The Green River

La storia di questa longeva formazione prende il via circa vent’anni fa, e come spesso accade in questi casi, è una storia di amicizia e di condivisione di interessi e passioni.
Il cemento che li unisce è la smodata passione per il blues.
Su questo terreno comune germoglia l'idea di reinterpretare i classici del Rock-Blues anglo-americano che ha caratterizzato la storia del blues negli anni '70. Iniziano a riproporre i brani più celebri di artisti del calibro di Rory Gallagher, Steve Ray Vaughan, ZZ Top, Alvin Lee and The Ten Years After, senza dubbio i maggiori artefici di questa ondata di rinnovamento della musica blues. Musica vitale, energica, talvolta anche impegnata sui temi sociali più spinosi, e comunque mai scontata e fortemente innovativa.
Al primo nucleo della formazione, costituito da Donato De Palma (chitarra) , Giancarlo Livrieri (batteria) e Gianni Rosito (voce), si sono aggiunti,nel tempo, diversi musicisti, che hanno arricchito il suono e l'esperienza di questa band.
Nel 2013 hanno partecipato alla rassegna "Blues In Town" di Policoro, e l'anno scorso hanno suonato al prestigioso "Avezzano Blues Festival", e al "South Italy Blues Connection" di Matera. Quest’anno saranno loro ad aprire il "Bitonto Blues Festival".
L’energia che sprigionano sul palco, e le raffinate scelte musicali, sono ancora oggi i punti di forza di questa band pugliese.
Ci sarà da divertirsi.


Gianni Rosito - voce 
Donato De Palma - chitarra 
Dino Gazzillo - chitarra 
Antonio Attimonelli - basso 
Giancarlo Livrieri - batteria

mi cantino 2017 - decima edizione

Siamo in dirittura d'arrivo per la decima edizione di "mi cantìno", il festival che, anno dopo anno, si è caratterizzato come una gioiosa festa di musica, animata unicamente dalla passione di chi vi partecipa.

E' ancora presto per svelare i nomi dei partecipanti, ma possiamo già dirvi che il festival si terrà, come al solito, presso il centro Jobel di Trani (via Giuseppe di Vittorio,60), sabato 8 e domenica 9 luglio prossimi.

La formula è quella già collaudata nelle precedenti edizioni, ma non mancheranno delle novità che - ne siamo certi - vi sorprenderanno.

Continuate a seguirci su questo blog e sui social network, ed avrete la possibilità di conoscere, in anteprima, i protagonisti di questa edizione che si preannuncia particolarmente ricca e interessante.


mi cantìno 2016 - Rita Zingariello

E' già da alcuni anni che "mi cantìno" ha aggiunto un punto qualificante alla sua mission: quello di contribuire a far conoscere i nuovi, giovani autori del nostro territorio. Nelle ultime edizioni, sul nostro palco si sono avvicendati Gennaro Carrillo, Savio Leone, Dario e i Meridionali, Molla che sono venuti a presentare i loro lavori discografici più recenti. In questo modo, il pubblico che ci segue, ha potuto conoscere da vicino l'opera creativa di questi giovani musicisti e farsi un'idea precisa di ciò che la nostra regione rappresenta nel panorama cantautorale nazionale.

Questo ideale percorso continua anche nella nona edizione con Rita Zingariello.
La musica s'intreccia con la vita di Rita fin da quando, a sette anni di età, comincia a studiare il pianoforte, cui in seguito si aggiunge la passione per la chitarra e per il canto, disciplina in cui si diploma presso il conservatorio di Bari. Nel 2008 arriva anche la laurea in giurisprudenza, ma la musica, nel frattempo, ha già occupato la parte prevalente delle sue energie fino a divenire la sua professione.

E' impegnata nell'associazione "l'Arpeggione", dove avvicina alla musica bambini e ragazzi, e man mano raccoglie le sue canzoni in un EP dal titolo "E' alba". Con la pubblicazione del suo primo lavoro discografico, inizia una intensa attività fatta di concerti, partecipazione a prestigiosi contest musicali che le tributano importanti riconoscimenti.

Nel 2014 viene pubblicato il suo secondo album, "Possibili percorsi", che è prodotto da Phil Mer, un giovane batterista noto per la sua rivoluzionaria propensione alla sperimentazione e alla innovazione.
Due tracce di questo CD sono diventate dei bellissimi videoclip: si tratta di "eroe" e "scappa", pubblicato quest'anno con un progetto di crowdfounding.

A "mi cantìno" Rita arriva proprio mentre sta lavorando alla pubblicazione del suo terzo album.

Rita Zingariello  - voce,chitarra
Domenico Lopez - chitarra
Dalia Gravela - percussioni

mi cantìno 2016 - almost jazz

Alessia Laurora è una giovane, talentuosa violinista che è stata già ospite di "mi cantìno" con il suo trio di musica da camera, affascinando ed entusiasmando il pubblico. Ma Alessia è curiosa, e nel suo percorso da musicista, è sempre animata da una bruciante passione che la spinge ad esplorare percorsi inediti, spesso molto distanti dalla formazione classica ricevuta in conservatorio. Ed è così che, lavorando alla nostra "pink edition", l'abbiamo ricontattata, sicuri che potesse stupirci ancora in questa nona edizione del festival. Così abbiamo scoperto che in questo periodo, insieme al pianista Davide Paolillo, Alessia lavorando ad un progetto che la avvicina alla musica jazz.
Il jazz si suona con tutti gli strumenti del mondo, ma il violino, nel jazz è effettivamente una rarità. Sono pochi i virtuosi del violino che si sono cimentati in questo genere musicale: ricordiamo Stéphane Grappelli, Joe Venuti, Jean-Luc Ponty e l'italiano Piergiorgio Farina .
So che adesso sarete curiosi di ascoltarli dal vivo per apprezzare il risultato della ricerca e dell'impegno di questi giovani musicisti.
Dovrete pazientare fino a domenica 4 settembre, quando gli "almost jazz" debutteranno a "mi cantìno"

Allessia Laurora - violino
Davide Paolillo - pianoforte
Francesco Laurora - chitarra
Dario Laurora - batteria